5 consigli per diventare interprete sportivo

Offrire un buon servizio di interpretazione non è da tutti… Ecco alcuni consigli per fare carriera come interprete sportivo!

Offrire un buon servizio di interpretazione non è da tutti… Ecco alcuni consigli per fare carriera come interprete sportivo!

1. Conoscere lo sport nel quale ci si specializza

Per fare l’interprete, non basta solo padroneggiare diverse lingue, bisogna avere una perfetta conoscenza del settore in cui lavorate. Bisogna essere curiosi, conoscere l’attualità e sapere ciò che si dice nei corridoi, per poter adattare il vostro discorso a qualsiasi situazione.

Nello spogliatoio durante una partita importante o in seguito a bordo campo, l’interprete sportivo deve tradurre le parole giuste al momento giusto per restituire i consigli dell’allenatore o per trasmettere le domande dei giornalisti e il materiale che sarà riportato sui giornali.

2. Adattarsi all’oratore e agli ascoltatori

Il ruolo dell’interprete è di trasmettere il discorso del suo oratore, con la sua personalità e il suo modo di esprimersi, per restituire l’essenziale del messaggio con la stessa intensità. Non si interpreta un José Mourinho come si interpreta un Arsène Wenger!

Non si tratta di riportare un discorso parola per parola, l’interprete prende anche appunti quando il suo oratore parla. Da una cabina con delle cuffie o in televisione, egli interpreta in maniera simultanea per restituire fedelmente il testo nella lingua dello spettatore.

3. Essere dinamici

Se il traduttore è piuttosto sedentario, limitando i suoi spostamenti dall’ufficio alla macchinetta del caffè passando per il balcone per fumare una sigaretta, al contrario, l’interprete è costantemente in movimento.

Per seguire l’allenatore durante i suoi spostamenti o la squadra quando va in trasferta, l’interprete sportivo deve far prova di grande mobilità. Perciò, è importante mantenere una buona condizione fisica e rispettare le ore di sonno.

4. Sapersi diversificare

È anche importante diversificare. Se dei linguisti lavorano con lingue rare avranno meno problemi a gestire più lingue.

L’utilizzo frequente di nuove tecnologie obbliga l’interprete a ampliare le sue competenze e proporre ad esempio dei corsi di lingua ai nuovi arrivati, corsi per diventare interprete per dei reportage stranieri, tradurre i contratti sportivi, le rassegne stampa…

5. Saper essere discreti

Se bisogna essere capaci di vendere i propri punti di forza, un interprete sportivo che fa bene il suo lavoro sa essere anche discreto. Poiché in questa disciplina in cui si fa appello a competenze linguistiche, tecniche e umane, lo scopo è di farsi notare il meno possibile. Lavorando nell’ombra, l’interprete deve sapere essere vicino e disponibile per la squadra, ma deve anche essere capace di farsi da parte e attenersi al suo ruolo, soprattutto in conferenza stampa.

Una buona traduzione può fare la differenza nel corso di una partita, il ruolo dell’interprete è perciò cruciale.

Traduzione in italiano: María Badal

Scoprite la nostra agenzia di interpretazione.