Il traduttore professionista: un esperto dai mille volti

Un traduttore professionista deve essere in grado di ricoprire svariati ruoli. Scrittore, esperto di localizzazione, correttore di bozze, transcreator, terminologista, insegnante… Che cosa sono esattamente queste professioni che si nascondono dietro un termine così ampio come “traduttore”?

Scrittore

Essere in grado di riprodurre un messaggio da una lingua a un’altra senza che il lettore si renda conto di essere davanti a una traduzione richiede una padronanza eccellente della lingua di destinazione. Il traduttore professionista deve dunque possedere creatività e fantasia pari a quelle necessarie a uno scrittore. Inoltre, molti traduttori tengono un blog personale che aggiornano nel loro tempo libero o che usano per aumentare la visibilità dei loro servizi. Per diversificare il proprio lavoro, alcuni traduttori offrono anche servizi di creazione di contenuti web.

Esperto di localizzazione

La localizzazione linguistica è il processo di adattamento dei contenuti da una cultura a un’altra. È utilizzata principalmente nella traduzione di software per computer, videogiochi e siti web. Per eseguire in modo efficace questo procedimento, un traduttore professionista deve stabilire una corrispondenza adeguata tra gli usi e i costumi di una cultura e dell’altra. La localizzazione è quindi un processo dovuto alla globalizzazione e che ha l’obiettivo di trasformare un prodotto in modo tale che sembri creato localmente. Un buon traduttore deve compiere ricerche socio-culturali approfondite, così da poter effettuare su un prodotto tutte le modifiche necessarie a renderlo il più vicino possibile alla cultura del pubblico di destinazione. Inoltre, un esperto di localizzazione deve possedere le competenze informatiche necessarie per creare tag linguistici, convertire format di grafica e web page, valute, orari e date, ecc.

Correttore di bozze

Per garantire una traduzione precisa e accurata è essenziale che questa venga riletta e modificata da professionisti con pari competenze. La correzione di una bozza avviene in due fasi. Prima di tutto, il correttore di bozze corregge gli errori ortografici e grammaticali che possono sfuggire all’attenzione del traduttore. Poi, il correttore di bozze confronta il testo di origine con il testo di destinazione per individuare eventuali omissioni, cambiamenti di significato, o, peggio, significati errati. Il traduttore professionista può anche mettersi nei panni del cliente e giudicare il lavoro del suo collega, unicamente in termini di comprensione, coerenza e stile.

Transcreator

Ricorderete forse un articolo di Pauline, da Decker, pubblicato qui sul nostro blog, che include un’eccellente spiegazione del concetto di transcreation. Nel marketing, la transcreation è “un processo creativo […] che consiste nel trasferire un bagaglio culturale ed emozionale nella cultura di destinazione”. In questo caso specifico, il traduttore non deve solo padroneggiare tutte le minime sfumature della lingua per comprendere il senso di una determinata frase o slogan, ma deve anche possedere una conoscenza perfetta delle due culture, insieme alle capacità creative necessarie per elaborare una nuova strategia pubblicitaria o di marketing.

Terminologista

Le lingue sono continuamente in evoluzione. Pertanto, è fondamentale rimanere al passo con le espressioni più recenti e coi nuovi termini per poter utilizzare la terminologia più comprensibile, diffusa e aggiornata. Terminologia e traduzione sono due discipline strettamente collegate. Un terminologista studia le parole nel loro contesto linguistico-culturale in continuo mutamento, mentre un traduttore le inserisce nel testo. Il lavoro del terminologista consiste nel creare testi di terminologia e glossari, oltre ad eseguire analisi approfondite sul lessico di un settore specifico sulla base della documentazione specializzata aggiornata. Alcuni traduttori lavorano in collaborazione con terminologisti esperti, mentre altri ricoprono entrambi i ruoli vista la scarsità di professionisti in questo campo.

Insegnante

Infine, non è raro che un traduttore tenga anche dei corsi di lingua. Questo è spesso il caso di giovani laureati che vogliono arrotondare le loro entrate o che sono in cerca di un’ulteriore esperienza prima di lanciarsi nel mondo dei traduttori freelance. Non dimentichiamoci che queste persone hanno ricevuto una solida formazione nelle materie linguistiche e spesso hanno trascorso del tempo all’estero per migliorare ulteriormente la conoscenza delle lingue con cui lavorano.

Giusto per non smentire lo stereotipo del traduttore sempre col naso sepolto nei libri!

Venite a conoscere la nostra agenzia di traduzione