12
24
2021

Agenzia di traduzione vs bilingue

Basta essere bilingue per fornire una traduzione di qualità? Di seguito troverete quattro motivi per cui vale la pena avvalersi dei servizi di un’agenzia di traduzione.

Nell’era globalizzata in cui viviamo, conoscere più lingue è diventato fondamentale. Questo perché il globo si sta rimpicciolendo, i confini non esistono più e un gran numero di settori industriali e sociali sono chiamati a guardare anche al resto del mondo. Oggi ci si aspetta che i dipendenti siano aperti al mondo esterno, parlino diverse lingue e svolgano funzioni differenziate che a volte esulano dalla loro area di competenza.

Ma una persona bilingue è in grado di svolgere il lavoro di traduttore all’interno di un’azienda? Saper parlare più lingue e padroneggiare strumenti di traduzione computerizzata è abbastanza per creare traduzioni di alta qualità adatte a un pubblico di destinazione? Laurent Nicaise, professore associato di lingue presso l’Université libre de Bruxelles, elenca quattro motivi per cui conviene sempre ricorrere ai servizi di un’agenzia di traduzione.

Due teste sono meglio di una

Un’agenzia di traduzione lavora con una vasta rete di traduttori esperti in settori specifici. Quello che fa un project manager è assegnare, ad esempio, una traduzione medica a un esperto linguistico specializzato in quel campo. Ma non finisce qui. Al fine di garantire risultati di alta qualità, una volta completata, la traduzione viene sottoposta al vaglio di uno o più revisori e di un correttore di bozze.

Lavoro di alta qualità

La traduzione di documenti tecnici, ad esempio, potrebbe mettere in difficoltà una persona bilingue. In termini di capacità di scrittura, un traduttore, invece, grazie alla sua formazione, è in grado di padroneggiare perfettamente le sottigliezze della propria lingua madre. E mentre una persona bilingue può facilmente cascare nelle cosiddette trappole di traduzione, un traduttore è stato addestrato proprio a individuare i “falsi amici”. Il testo di destinazione, pur essendo adeguatamente adattato al pubblico di destinazione a cui il cliente desidera rivolgersi, riuscirà anche a riflettere il mondo dell’autore del testo originale. Inoltre, un’agenzia di traduzione dispone di costosi strumenti informatici che solo i traduttori professionisti sono in grado di utilizzare. Tali strumenti velocizzano il lavoro e ne migliorano la qualità.

La responsabilità del traduttore

Un malinteso da parte del lettore, o un errore del traduttore, possono avere gravi conseguenze. Gontran Botte, traduttore freelance, spiega che “quando si traducono norme di sicurezza o istruzioni per l’uso, una cattiva traduzione può addirittura rischiare di mettere in pericolo la vita di qualcuno”.
Lo stesso vale quando il traduttore deve interpretare le intenzioni di un autore. Il primo presta molta attenzione a non distorcere le parole del secondo. Tale abitudine è parte integrante della professione del traduttore, che un parlante bilingue, privo di una formazione specifica e di esperienza, potrebbe non aver fatto propria.

Risparmio di tempo e denaro

A primo impatto, affidare un lavoro di traduzione a un dipendente bilingue interno potrebbe sembrare la soluzione più economica. Pensaci bene! Un bilingue impiegherebbe più tempo a svolgere il lavoro rispetto a un traduttore professionista e, in generale, la qualità risulterebbe inferiore. Un traduttore non ha solo l’esperienza, ma anche gli strumenti di traduzione professionale necessari per portare a termine un progetto in modo efficace. Laurent Nicaise conclude poi affermando: “il tempo è denaro! Se non ti rivolgi a un traduttore professionista, perdi tutti i vantaggi che ne derivano”.

Traduzione in italiano: M. Canestrari

Scopri la nostra agenzia di traduzione.

Questo articolo è stato scritto da Fabrice

Economista, linguista e investitore, Fabrice è il cofondatore di Cultures Connection, di cui è direttore operativo.